Mondo Pesca/Acque interne

Flumendosa - Prede e Predatore
10 Giugno 2021 ore 11:03

Flumendosa - Prede e Predatore

La ricerca del grosso bass richiede la conoscenza del bacino nel quale si vuole pescare, studiando i comportamenti delle prede che il predatore è solito cacciare.
Alessandro Vacca

Nella pesca al black bass si parla spesso di tutti quei fattori che condizionano la nostra sessione di pesca: stagioni, meteo, condizioni dell'acqua, per arrivare alla scelta delle esche, fondamentali in quanto imitano le prede di cui si nutre il bass. Ma spesso non ci si sofferma a studiare il comportamento di tali prede. Ritengo necessario sapere quali specie vivono negli specchi d'acqua in cui andremo a pescare e trovo altrettanto necessario conoscerne il comportamento, in quanto capirne gli spostamenti e quindi capire quando il big bass mangerà una certa preda piuttosto che un'altra, ci permetterà di scegliere lo spot giusto e l'esca più idonea. Innanzitutto, come scritto in precedenza, bisogna capire quali specie abitano determinate acque, purché da fonti sicure (carte ittiche o materiale fotografico). Dopodiché si possono reperire online o sulle enciclopedie cartacee tutte le informazioni riguardanti i comportamenti di queste prede, per iniziare a creare un'idea generale di ciò che dovremo andare a cercare e osservare sul campo. Per concludere, è fondamentale passare tante ore in acqua ad osservare il comportamento di queste prede, cercando di scoprire come si sono adattate alle acque in questione e osservando le migrazioni che compiono all'interno dello specchio d'acqua durante tutto l'arco dell'anno. Un buon metodo per ottenere tutte queste informazioni è provare a pescarle. Detto ciò, ogni posto è a sé, ogni bacino ha le sue specie, quindi il nostro “predatore verde” si dovrà adeguare di conseguenza. Nel caso del lago Flumendosa, dove non mancano i black bass da record, vi sono le seguenti prede: agoni, trote, persici reali, scardole, carpe, gambusie, insetti, piccoli mammiferi, anfibi e rettili vari. Ognuna di queste prede ha un ruolo importantissimo per determinare l'equilibrio dell'intero ecosistema acquatico.

Agone
L'agone è la preda principale dei big bass nel lago Flumendosa per via della sua massiccia presenza e per via dell'ottima riserva energetica che rappresenta. È un pesce gregario che vive in grossi branchi e mediamente le sue dimensioni vanno dai 15 ai 25 cm. Si trova in maggiore quantità nei tre fiumi immissari principali del lago (tra l'altro sono le zone che prediligono per andare a fregare), in buona quantità nei fiumi e torrenti secondari delle insenature e ovviamente, si trova anche in tutto il resto del lago aperto, dove sono presenti i suoi nutrienti principali. A seconda della stagione e del clima compie migrazioni orizzontali lungo le sponde (primavera e autunno) e migrazioni verticali quando si raduna in branchi in sospensione lontano dalla sponda (estate e inverno).

Persico reale
È una delle prede più importanti per i grossi bass su questo bacino idrografico. È presente in quantità considerevoli e, come l’agone, su misure dai 15 ai 25 cm, dimensioni ideali per i grossi bass. Questo pesce tende a inabissarsi in profondità ma spesso staziona anche in acqua bassa. Anch'esso è un pesce che tende a stare in gruppo.

Trota
È una preda molto ambita dal bass in quanto possiede delle carni facilmente digeribili e molto nutrienti. Nel Flumendosa troviamo trote in grosse quantità nei tre fiumi principali e in quantità minore nella parte restante del lago. Pertanto, seppur una preda ambita dal bass che non rinuncerà ad attaccare, non risulta essere il suo pasto abituale, proprio perché le quantità presenti nel lago non sono abbondanti rispetto ad altri pesci-preda, eccetto in prossimità dei fiumi immissari principali dove il discorso è differente. Le trote nel lago principale tendono a migrare su profondità importanti e le dimensioni vanno dai 15 ai 25 centimetri sino a dimensioni piuttosto importanti.

“Il bass mangia anche i suoi simili! Mi è capitato spesso di vederlo con i miei occhi o di catturare grossi black bass con ancora in bocca esemplari più piccoli”.

Black bass
Ebbene si, il bass mangia anche i suoi simili! Oltre agli studi presenti a riguardo, io stesso l'ho potuto constatare con i miei occhi in svariate occasioni. Generalmente i big bass si nutrono di piccoli bass per tre motivi: perché vivono in un ambiente privo di prede o comunque presenti in numero insufficiente; per territorialità e perché in determinate situazioni, occorre reperire un importante quantitativo di energia in breve tempo.

Scardola
Questo pesce è presente da pochi anni sul Flumendosa, ma grazie alla grande capacità di adattamento è riuscito a moltiplicarsi velocemente inserendosi nella dieta del bass, dove possiede un ruolo molto importante. La scardola è un pesce che tende a girare in branco e il bass ritrova in lei un ottimo pasto ricco di nutrienti e una preda semplice da cacciare, in quanto la si trova spesso in acqua bassa.

Gambusia
È un pesce molto piccolo che mediamente misura da 1 a 4 cm. Lo si ritrova sempre in branco in acqua bassissima, in mezzo all'erba e al riparo nelle strutture. Anch'esso è una preda, seppur più piccola, che il bass va a ricercare.

Carpe
La carpa è il pesce, o uno dei pesci, presenti sul lago in maggior quantità. Sicuramente non è una preda abituale del bass, se non nei casi in cui si trovano delle carpette dalle piccole dimensioni.

Gambero
Il gambero di fiume è l'unico gambero presente e lo si trova in quantità ridotte. È un ottima fonte di energie per il bass ma sicuramente non sufficiente in quanto raro e di piccole dimensioni.

Insetti
Specialmente nella stagione estiva, gli insetti sono spesso vittime di spettacolari mangiate a galla. Generalmente sono i bass di piccole dimensioni a prediligere questa tipologia di preda, ma capita che anche i big bass ne approfittino. Gli insetti in questione sono generalmente: libellule, ragni, mosche e moscerini.

Mammiferi, anfibi e rettili.
Delle volte capita di ritrovare nella bocca dei nostri amati big bass, specialmente nel periodo caldo, cuccioli di nutria, topi, lucertole, rane e serpenti che nuotando ignari del pericolo, si ritrovano tra le fauci di questi fantastici predatori. Queste prede generalmente si trovano nel sottosponda, in quanto arrivano proprio dalla terraferma.

Selezione delle esche
Considerando tutte queste dinamiche la selezione delle esche si conferma fondamentale e dietro questa scelta c'è tut-to un mondo da scoprire. Si può imitare qualsiasi preda: grossi pesci con la swimbait; pesce foraggio con gli shad in gomma o con esche come lo spinnerbait, il jerk, il wtd e molte altre; i gamberi con i jig e le apposite softbait; se poi ci abbiniamo il colore più rassomigliante avremo un artificiale che ci porterà a catturare il nostro pesce target. Ricercando e seguendo questo tipo di informazioni e approfondendole il più possibile, non avremo più dubbi su qua-li esche utilizzare, su quali spot dovremo cercare il bass e le nostre pescate saranno sempre più proficue! Ricordiamoci sempre che dove c'è la preda c'è il predatore!

Le nostre riviste

Gennaio 2020
Copertina del magazine di Gennaio 2020
Agosto 2021
Copertina del magazine di Agosto 2021

Eventi

Prossimo evento

Dal 7 Agosto 2021 ore 16:00 al 8 Agosto 2021 ore 12:00