Mondo Pesca/Traina

Se il pesce non c’è...
15 Novembre 2019 ore 07:00

Se il pesce non c’è...

A volte si pesca, a volte no! L’autore propone diverse soluzioni quando la fortuna non gira. Vediamo quali.

di Federico Torkamani

L'estate ci ha ormai definitivamente lasciato, le vacanze sono finite, i turisti tornano a casa, le barche in mare sono sempre meno e l’acqua, finalmente, comincia a stemperare un po'. ottobre e novembre sono mesi magici per la traina costiera con gli artificiali e fortunatamente la nostra magnifica isola è letteralmente circondata da scogliere da sogno e piccoli isolotti sparsi qua e là, spot perfetti per questa tecnica. Sfruttiamo allora questo periodo per provare a insidiare i predatori del sottocosta: barracuda, tonnetti, tombarelli, lampughe, occhiate, ma anche giovani dentici e giovani ricciole, le alternative non mancano davvero.

Le basi
Le canne che porto con me per questo tipo di giornata sono delle trolling lite da 8, 12 e 16 lbs che mi assicurano il divertimento nel combattimento con il pesce e allo stesso tempo risultano affidabili nel caso di un pesce di taglia più impegnativa. Gli artificiali rivestono un ruolo cruciale. Averne tanti è bene, averne troppi… è meglio! La cassetta deve disporre di esche di diversa taglia, forma e colore, perché come è vero che capitano le giornate in cui i pesci abboccano a qualunque esca, ci sono al contrario giornate in cui sembra che in acqua non ci sia nulla e dovremo avere la pazienza di cambiare il nostro artificiale diverse volte fino a trovare quello giusto per quella giornata, o meglio per quel momento. Ma di questo ne riparliamo dopo. In bobina propongo un nylon dello 0,40 con un finale di 2-3 metri sempre di 0,40 in fluorocarbon, rigorosamente legati con il nodo di sangue. Ultimo attrezzo indispensabile è il piombo a sgancio rapido, lo posiziono a circa 35 metri dall’esca, può avere diverse grammature e ci permette innanzitutto di cercare i pesci in diverse fasce d’acqua, inoltre ci consente di trainare con più canne riducendo al minimo la possibilità di incrociare le lenze. Io parto sempre con 3 canne, una in superficie a pelo d’acqua, una che lavora a 2-3 metri sotto la superficie con un piombo da 150 g, e una sui 7-10 metri con un artificiale più grosso e piombo da 350 grammi.

 

A pesca
Cielo e mare possono essere due alleati, in particolare un po' di onda, un po' di schiuma, cielo nuvoloso o almeno parzialmente coperto… sarebbe decisamente meglio. In caso invece di mare piatto e cielo pulito in uno spot con acqua cristallina, potrebbe essere davvero complicato fregare le lampughe e i tonnetti, soprattutto nelle ore centrali, ma a mali estremi noi ci proviamo comunque navigando ad almeno 5 o 6 nodi con octopus bianchi e artificiali color naturale (bianco, grigio, azzurro) oppure, se in superficie proprio non ne vogliono sapere, ci concentriamo a pescare dalla mezz’acqua in giù, 3 nodi sono ideali per insidiare i barracuda, i denticiotti, le ricciolette ma anche cernie e grosse tracine sui fondali sabbiosi. Al contrario con il mare un po' increspato e il cielo coperto, la visibilità e la diffidenza dei predatori di superficie diminuisce e noi possiamo stimolarne l’aggressività più facilmente con colori anche un po' più sgargianti, come l’arancione e il rosso.

E quando non succede niente?
Come dico sempre: “Il pesce se non c’è, non te lo puoi inventare”. Tuttavia il pesce potrebbe esserci ma noi stiamo sbagliando qualcosa. Questa è una situazione che capita spesso durante queste giornate e fortunatamente esistono una serie di accorgimenti che ci possono dare una mano. Come prima cosa cambiamo la velocità dei nostri passaggi: a volte infatti bastano 2 nodi in più o magari 1 nodo in meno, rispetto ai 3-4 nodi canonici di partenza, per cambiare completamente la giornata. Se nemmeno questo porta a un miglioramento dei risultati, proviamo a cambiare i colori degli artificiali, la dimensione e la forma degli stessi, ci sono state giornate in cui ho preso pesci solo con un artificiale specifico, mentre tutti gli altri, anche simili al primo, venivano ignorati. Proviamo anche a pescare con le esche più distanti dalla barca, lasciando andare altri 20 metri di lenza; il motore infatti, soprattutto se il mare è piatto, può essere fonte di disturbo per i pesci. Facciamo anche qualche passaggio più sottocosta, proprio a ridosso degli scogli, facendo attenzione a regolare la profondità dei piombi in funzione di quanto ci dice l’ecoscandaglio, e poi al contrario facciamo dei passaggi più distanti rispetto a quanto facevamo all’inizio. Capita che uno solo di questi accorgimenti, o la combinazione di alcuni di essi, possano svoltare una giornata difficile, tenendo conto sempre e comunque che... se il pesce non c’è, non te lo puoi inventare!

Le nostre riviste

Luglio 2018
Copertina del magazine di Luglio 2018
Dicembre 2019
Copertina del magazine di Dicembre 2019

Eventi

Prossimo evento

Dal 14 Dicembre 2019 ore 14:00 al 14 Dicembre 2019 ore 23:00