Mondo Pesca/Pescasub

Dario e la Cernia
5 Aprile 2018 ore 09:58

Dario e la Cernia

Cagliaritano, classe 1972. Dario Maccioni è attualmente uno dei migliori pescasub sardi. Un atleta che si muove a suo agio in tutti gli ambienti, soprattutto in quelli più profondi, dove ha capito cosa cercare: la cernia.
Alberto Belfiori

Nonostante il titolo, Dario e la Cernia non raffigura una storia d’amore, anche se un po’ d’amore c’è. “Dario e la Cernia” è l’ennesima testimonianza di un rapporto intimo tra due mondi, uno subaereo e l’altro subacqueo. Ed è un rapporto che nasce dal nulla, su presupposti universali, quando il mare ti affascina. Dario si racconta e torna inevitabilmente indietro alla sua gioventù. A 9 anni ricorda le prime esperienze e poi le maratone in mare, di mattina e di pomeriggio, a Costa Rei o nella casa di Orosei. Respirava mare e pesci, “per via di babbo e mio fratello”, cannista il primo e apneista il secondo. La malattia è diventata cronica intorno ai 15 anni, quando superate le esperienze col Polpone grigio, “sono passato al Cressi SL 70 ad aria compressa e al debuttante arbalete francese”. Dario è sempre stato uno sportivo ma non vedeva nella pesca un argomento da condividere, non gli piacevano le gare, soprattutto. “Ma andavo volentieri a pesca con Sergio Cardia, mio compagno all’Istituto agrario”. Poi, inspiegabilmente o forse travolto dalla vita, l’oblio. Per cinque lunghissimi anni ha appeso le pinne al chiodo.
Continua a leggere sul giornale...
 

Le nostre riviste

Luglio 2018
Copertina del magazine di Luglio 2018
Ottobre 2018
Copertina del magazine di Ottobre 2018

Eventi

Prossimo evento

Dal 27 Ottobre 2018 ore 14:00 al 28 Ottobre 2018 ore 14:00