Mondo Pesca/Spinning

Ondulanti
30 Ottobre 2017 ore 09:33

Ondulanti

Sono artificiali che regalano ottimi risultati con la spigola ma… per avere successo bisogna utilizzare le strategie giuste!
Fabio Marotta

Tra le esche metalliche è quella da preferire per tentare lo strike alla regina della schiuma. La prima grande differenza con i “cugini” rotanti è il peso contenuto in rapporto alle dimensioni. Questa caratteristica è fondamentale per noi spinner d’acqua salata e ci costringe a riporre gli artificiali a paletta nella cassetta delle esche. Nell’attrito con l’acqua durante il recupero, infatti, la forma del rotante fa sì che il corpo ruoti, appunto, su se stesso producendo lampi di luce e riflessi molto adescanti. E questo è ok ma… a noi interessa che l’esca sia abbastanza pesante per arrivare lontano perché, spesso, le buche buone sono molto distanti e il vento contrario non ci aiuta. Ecco perché la scelta cade sugli ondulanti: il peso di questi artificiali può essere davvero notevole, dandoci la possibilità di effettuare lanci molto lunghi anche contro- vento per sondare un’area di mare più vasta. Nel contempo, il peso sostenuto non ne pregiudica affatto il movimento, grazie alla particolare forma a “S”.

Continua a leggere sul giornale...

Le nostre riviste

Luglio 2018
Copertina del magazine di Luglio 2018
Luglio 2018
Copertina del magazine di Luglio 2018

Eventi

Prossimo evento

Dal 21 Luglio 2018 ore 14:00 al 22 Luglio 2018 ore 14:00