Mondo Pesca/Vertical jigging

Soft Bait
3 Aprile 2017 ore 09:40

Soft Bait

L’evoluzione è inarrestabile! Il vecchio vertical jigging, fatto di fisicità e azione violenta è stato ormai sostituito da una tecnica che prevede l’utilizzo di “gomme” ed un azione più fluida e lenta.
Nicola Cocco

Correva l’anno 1949 quan-do, Nick Creme, pescatore dell’Ohio, stanco di scavare alla ricerca perenne di lombrichi da utilizzare come esche per insidiare i voraci black bass, ebbe un’intuizione geniale: sostituire il vivo con un’esca che oggi chiamiamo “gomma”. Grazie alla collaborazione del famoso Eleuthere Irénée Du Pont, fondatore dell’omonimo colosso chimico, e dopo vari tentativi infruttuosi, riuscì a trovare una mescola plastica adatta a realizzare artificialmente i suoi lombrichi, dando inizio, di fatto, ad un’incredibile evoluzione e trasformazione delle esche. Di anni, da allora, ne sono passati quasi settanta e le softbaits, nonostante tutto, continuano ancora oggi a proporsi in forme ed azioni sempre più diverse, sempre più funzionali. Tanto che oggi non esiste azienda commerciale che non ne abbia nel proprio campionario almeno una serie. E non esiste pescatore privo di una minima scorta. I più incalliti come il sottoscritto, conservano addirittura tante cassette straripanti di modelli, colori e pesi, quasi a scadere nell’accumulo patologico seriale di gomme. Nello specifico della pesca dalla barca, un aspetto importante da evidenziare è quello che vede le gomme protagoniste nelle tecniche verticali. Un enorme successo ha avuto e tutt’ora conserva, l’accoppiata jig-octopus dell’inchiku, e tai-kabura, dove l’ottima qualità “plastica” riveste un ruolo fondamentale nell’efficacia dell’esca.

 

Continua a leggere sul giornale...

Le nostre riviste

Luglio 2018
Copertina del magazine di Luglio 2018
Dicembre 2018
Copertina del magazine di Dicembre 2018

Eventi

Prossimo evento

Dal 12 Gennaio 2019 ore 08:00 al 13 Gennaio 2019 ore 08:00